A mio padre

Quando sento suonare e tu non ci sei ma stai in ogni spazio che ci trasciniamo dietro da anni ogni volta è sentire in anticipo il taglio che entrambi sappiamo irrevocabile un giorno.
Sei tu, compagno di nove mesi fa, padre, che non posso evitare col mio modo impacciato di fare. In fondo sai che i miei silenzi da sempre arieggiano tra le foglie armoniche per la nostra casa sollevata.

Očetu

Ko slišim igranje glasbe in tebe ni tukaj, vendar si v vsakem prostoru in se vlečeva po njih že leta, je vsakokrat mogoče vnaprej začutiti rez, za katerega veva oba, da nekega dne neizogibno pride.
Ti si, sopotnik izpred devetih mesecev, oče, ki se mu ne morem izogniti, z mojim zmedenim vedenjem. Globoko v sebi veš, da moja molčanja od nekdaj lebdijo med ubranimi listi najinega vzvišenega doma.

Prevod: Nadja Dobnik